Ci si mette pure il presidente Sony?

Ho letto ieri su Avvenire che il presidente della Sony, a margine della Allen Conference di Sun Valley, un ritrovo super esclusivo per big mondiali, esprimeva preoccupazione sulla tenuta dell’Italia dopo il 2013 e dopo l’esperienza di Mario Monti.

Ora voglio dire: ma dobbiamo dare conto di quello che facciamo pure al presidente della Sony? Qui il primo che passa, parla e sparla di noi? Ma cos’è, un nuovo passatempo internazionale?

Mi ricorda il film “Una poltrona per due”, dove due ricchi cinici giocano, letteralmente, scommettendo pochi dollari, con la vita e sulla vita vera delle persone.

Qui il tema è la nostra libertà di decidere chi ci deve governare e che politiche scegliere. Quello che è evidente è che la tecnocrazia, a cui il presidente della Sony si richiama, dall’interno di un club esclusivo, è priva di molti riferimenti alla giustizia sociale.

E di questo bisogna cominciare a tenere conto.

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]

 



Un commento su “Ci si mette pure il presidente Sony?”

  1. Mi dispiace ,ti ringrazio, ma vorrei dirti che non conosco la politica allora non saprei fare un commento. Grazie di cuore

E tu che ne pensi?