Archivi tag: Papa Benedetto XVI

Da cosa il Papa non si dimette

Su A Sua Immagine Settimanale ora in edicola, c’è un mio articolo. Lo ripropongo qui –

ECCO DA COSA IL PAPA NON SI DIMETTE

I diritti d’autore dei suoi libri? Mai intascati. E poi c’è quel “fioretto del silenzio”. Vi racconto episodi della vita di Ratzinger che non conoscete.

Il giorno in cui uscirà questo numero è lo stesso in cui il Papa salirà a bordo di un elicottero per scomparire in una vita di preghiera.

Io spero che questa vita non sia claustrale, spero di rivederlo, di leggere ancora i suoi libri, spero che la voce più autorevole che la teologia cattolica abbia avuto negli ultimi 30 anni, l’intellettuale più profetico, più lucido e per questo più attaccato degli ultimi decenni, continui a coltivare il dono della parola per il bene della Chiesa e del mondo.

Lo spero, mentre vedo assottigliarsi il fronte dei critici di Ratzinger, completamente conquistati da questo gesto delle dimissioni, inconsueto e scandaloso perché siamo abituati a gente che s’incatena alle poltrone, altro che lasciarle.

E un po’ sorrido perché gli applausi arrivano sempre a tempo scaduto: almeno per i Papi è così.

Continua la lettura di Da cosa il Papa non si dimette

Corigliano: La sveglia e la fede

Credo nella collaborazione fra blog. Così rilancio con gusto un bel post di Pippo Corigliano dal suo blog pippocorigliano.blogspot.it/, dedicato ad un piccolo grande consiglio pratico: la sveglia nell’Anno della fede.

Lo trovo molto interessante e molto utile. Anche perché dobbiamo recuperare un’interpretazione concreta del vivere la fede, fatta forse anche di piccoli gesti ma che comunque siano gesti, concreti!

Grazie a Pippo e buona lettura!

dal blog di Pippo Corigliano:

Continua la lettura di Corigliano: La sveglia e la fede

Intervista su davidemaggio.it

Su www.davidemaggio.it, il sito dedicato alla televisione, più cliccato d’Italia, è stata pubblicata una bella intervista che mi ha fatto il bravo Marco Leardi. 

Nell’intervista provo a ribaltare alcuni luoghi comuni (ad esempio: Benedetto XVI è un Papa profondamente mediatico, perchè ha dentro il codice fondamentale della televisione contemporanea, quello del talk-show: è o no il Papa che preferisce rispondere a braccio alle domande, piuttosto che leggere testi  preparati?).

E poi dico la mia su un pò di cose.

Continua la lettura di Intervista su davidemaggio.it

Il grande talento di Toniolo

Lunedì scorso ho moderato la presentazione del libro di Ernesto Preziosi,Giuseppe Toniolo. Alle origini dell’impegno sociale e politico dei cattolici” (Paoline, 2012). Introducendo i lavori ho detto che tra i grandi talenti di Giuseppe Toniolo c’è stato quello di aver saputo dialogare/collaborare/lavorare con i vescovi, in un’epoca in cui non era ovvio che avvenisse.

Ho poi constatato  che negli ultimi 20 anni, dopo il crollo della DC, la dinamica dei rapporti tra cattolici impegnati in politica e vescovi  è stata stretta tra due poli, tra: «Io sono un cattolico adulto», frase spiritualmente senza senso ma politicamente incazzosa, pronunciata da Romano Prodi, allora premier, contro il card. Ruini (epoca dei Dico), e dall’altra parte: gli atei devoti, che ai più appaiono lesti a risolvere favori più che testimoni di fede, che anzi se ne guardano bene dall’esserlo o dal dichiararsi.

Due opposti estremi, da cui verrebbe fuori che non c’è alternativa tra rissa e  zerbinismo, chiamiamolo così (vedi zerbino).

Ma così non va! E così non andremo da nessuna parte!

Il grande talento di Toniolo è stato quello di essere un cattolico autentico, capace di originalissimi contributi, capace di aiutare i vescovi a superare alcuni ritardi culturali (il rifiuto della democrazia, ad esempio), capace di farlo senza polemiche, senza scontri, senza falsità ma anche senza zerbinismi (appunto).

Un rapporto maturo, adulto (questo sì), responsabile da entrambe le parti.

Forse è per questo che a voce forte, il Papa e i vescovi chiedono che si faccia avanti una nuova generazione di politici cattolici, perchè se una nostalgia c’è è quella di un laicato alla Toniolo.

E’ curioso che dobbiamo guardare indietro, a prima del Concilio, per trovare felici esempi da applicare oggi in pieno post Concilio. Sarebbe bello indagare perchè.

Alla presentazione del libro hanno partecipato: Ernesto Preziosi, lo storico Agostino Giovagnoli, il presidente dell’AC, Franco Miano, il presidente delle ACLI, Andrea Olivero.

Padre Dall’Oglio su Rai 1

Da domenica 11 marzo il commento all’Angelus, ad A Sua Immagine su Rai 1, arriverà dalla Siria.

Sarà il gesuita padre Paolo Dall’Oglio, in diretta, a commentare le parole di Papa Benedetto XVI.

Padre Paolo è il fondatore della comunità monastica di Mar Musa (foto sotto), ed è il motore di un dialogo straordinario tra cattolici, come lui e i fratelli della Comunità, e i musulmani.

Ora il regime siriano ha deciso di espellerlo, e se non l’ha ancora fatto è per la risposta di migliaia di persone che hanno manifestato il loro parere contrario.

Nei giorni scorsi un gruppo armato ha assaltato il monastero, cercando armi e soldi. Non ha trovato nulla ma secondo padre Paolo in realtà cercavano lui, in quel momento, casualmente, lontano.

La situazione in Siria è drammatica. Fonti vaticane hanno dichiarato che si spara anche ai bambini di pochi mesi. Continua la lettura di Padre Dall’Oglio su Rai 1