Archivi tag: politica

La vecchia politica contro Riccardi

La polemica contro Andrea Riccardi è il rantolo di un vecchio modo di fare politica, arrogante e inconcludente.

Cos’è successo? Riporto da Repubblica (che ha i maggiori dettagli sull’episodio) la cronaca virgolettata del dialogo incriminato:

“Hai visto cos’è successo oggi?” [dice il ministro Severino al ministro  Riccardi, in merito alla vicenda che ha portato all’annullamento del vertice Alfano-Bersani-Casini. NdR].

Riccardi: “Alfano voleva solo creare il caso. Vogliono solo strumentalizzare, ed è la cosa che mi fa più schifo della politica, ma quei tempi sono finiti. Loro hanno grossi problemi nel trovare l’accordo sulla legge elettorale”.

Come vedete è un dialogo privato tra due persone, per giunta colleghi, captato per caso da giornalisti e poi riferito.

I capigruppo PDL alla Camera e al Senato, Gasparri e Cicchitto, dicono di offendersi, montano un castello di rabbia, ci saltano su e cominciano ad urlare la richiesta di dimissioni.

Dimissioni perchè? Per avere avuto delle idee? Per averle espresse non al mondo, ma pudicamente in un dialogo privato? Dimissioni perchè non la pensiamo tutti alla stessa maniera? Dimissioni contro chi ha un pensiero diverso dal tuo? Continua la lettura di La vecchia politica contro Riccardi

Celentano, anche Santoro si smarca

Prendo dal sito di Famiglia Cristiana questa interessante dichiarazione di Michele Santoro:

Leggo le dichiarazioni di Celentano.

Famiglia Cristiana è bellissima.

Quando si occupa di politica lo fa in difesa di una Italia CIVILE.

Mio padre è abbonato da 30 anni.

Cordiali saluti.

Michele Santoro

Insomma una vera e propria presa di distanza, clamorosa nella forma e nella sostanza.

Infatti solo pochi giorni prima del Festival, durante Servizio Pubblico, Michele Santoro aveva tifato per Adriano Celentano, dicendosi in attesa di sentirlo. Poi deve essere sopraggiunta una profonda delusione.

Ricordiamo che il rapporto tra Michele Santoro e Adriano Celentano è molto stretto.

Continua la lettura di Celentano, anche Santoro si smarca

DIBATTITO. Le domande di una mamma

VITA DA MAMMA. Non migliora certo con la modernità
VITA DA MAMMA. I partiti non si preoccupano certo di questo

Una mamma scrive a «Famiglia Cristiana» una domanda e 2 opinioni:

«E’ giusto delegare l’educazione dei figli ad una governante, così che la madre possa dedicarsi al lavoro?»

«Trovo offensivo sostenere che, se si vuole, si può conciliare famiglia e lavoro»

«Vale più la qualità del tempo che dedichiamo ai figli? Io ritengo fondamentale la “quantità”»

 Diamo voce ad un tema espulso dal dibattito pubblico

  Continua la lettura di DIBATTITO. Le domande di una mamma

Una politica per la vita

PIU’ ETICA PER LA SOCIETA’
BENEDETTO IPPOLITO PER “AVVENIRE”

Il 21 marzo è stato presentato a Roma, dall’Associazione Scienza & Vita, dal Forum delle famiglie a da Retinopera, un importante Manifesto etico dal titolo ‘Liberi per Vivere’. Si tratta di una proposta culturale sintetica ed efficace, ormai abbastanza conosciuta, che si propone come scopo la diffusione di una cultura favorevole alla vita umana.
Leggendo tra le righe le tesi richiamate nel breve programma, si rimane colpiti soprattutto dall’elevata universalità dei contenuti, senza alcuna parzialità e senza alcun richiamo diretto alla fede. Si parla esplicitamente della vita umana come un fine, del significato trascendente che ha la singola esistenza personale, considerando, senza mezzi termini, la struggente situazione di disagio e di dolore dei malati, soprattutto nei casi estremi di sofferenza e solitudine.
Ai tre Sì programmatici principali – alla vita, alla medicina palliativa e all’umanizzazione dei malati – si affianca un rilievo costante e preciso a favore di un insieme vasto e universale di valori antropologici.
D’altra parte, considerando i diritti fondamentali della persona, e in primo luogo l’intangibile indisponibilità individuale d’ogni vita umana, è difficile pensare che qualcuno possa sentirsi escluso dal novero della citazione. Sembrerebbe perfino inutile richiamarsi – come giustamente avviene nel documento – alla Costituzione, giacché la prospettiva è l’umanità nel suo insieme, e non una singola comunità nazionale.
Continua la lettura di Una politica per la vita